Ti trovi in:

Tutela

Il tema della tutela delle persone fragili, cioè incapaci di provvedere a se stessi e allo svolgimento delle più comuni attività della vita quotidiana, riguarda una molteplicità di soggetti: minori, disabili, emarginati sociali, poveri, ecc.

Tutela

L’argomento viene tuttavia presentato in questa sezione perché è proprio nella terza età che, per una convergenza di situazioni sfavorevoli, il problema della fragilità, e pertanto della necessità di tutela, si presenta in tutta la sua drammaticità.
Numerosi sono gli interventi sia sanitari che sociali e assistenziali a tutela delle persone fragili, ampiamente descritti nelle sezioni relative ai Servizi.
Qui viene descritta la figura dell’Amministratore di Sostegno, perché di nuova istituzione e vera “chiave di volta” dell’intero sistema di protezione sociale.
L’Amministratore di Sostegno (ADS) è stato istituito con L. 9 gennaio 2004, n. 6.
La persona, che per menomazione fisica o psichica, si trovi nell'impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, può essere assistita da un ADS nominato dal Giudice Tutelare.
La nomina avviene su richiesta dello stesso beneficiario, anche se minore, interdetto o inabilitato, del coniuge, dei parenti entro il quarto grado, degli affini entro il secondo grado, del tutore o del curatore, del pubblico ministero, dei responsabili dei servizi che hanno in carico e in cura il beneficiario.
Il Giudice Tutelare può designare come ADS il coniuge non legalmente separato, la persona stabilmente convivente, i parenti entro il quarto grado, la persona designata nel proprio testamento dal genitore superstite, il rappresentante legale di fondazioni e associazioni, anche non dotate di personalità giuridica.

Compiti dell’ADS
Il decreto che istituisce l'ADS ne fissa anche gli atti che può compiere:

  • per la cura della persona, anche con la sua assistenza;
  • per problemi connessi all’impossibilità/difficoltà di espressione di volontà anche in relazione a diritti personalissimi (es. consenso ad attività terapeutiche in rapporto a situazioni di coma di vario tipo e grado);
  • per patologie incidenti sulla situazione esistenziale del beneficiario.

Per quanto riguarda le persone anziane, va evidenziato che l’ADS è una misura di protezione efficace in caso di anziano che non pensa alla salute, che si lascia andare con pericolo per la sua vita quotidiana (non ritira la pensione o gli affitti, non si compra il necessario per mangiare, non pulisce la casa, non paga il canone di locazione, le utenze o le tasse, con le conseguenze di sfratto per morosità o di interruzione delle utenze o di procedimenti esecutivi, non compra i vestiti o non si scalda, rischia di far saltare in aria l’alloggio perché dimentica il gas aperto, ecc.).
Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere all’Unità Operativa Sociale del proprio Distretto.



Torna all'inizio della pagina