Ti trovi in:

Malattie infettive

Si definisce infettiva la malattia provocata da germi (batteri, virus, ecc.) che entrano nel nostro organismo e si riproducono a spese della nostra salute.

Malattie infettive

Una delle caratteristiche comuni di queste malattie infettive è la loro contagiosità: cioè i germi si trasmettono dal portatore sano o malato ad altri, facendoli a loro volta ammalare.
In genere le malattie infettive si presentano con febbre, dolori articolari e muscolari e stanchezza, ai quali si aggiungono i sintomi tipici dell’organo di volta in volta più colpito.
Alcune malattie infettive sono state eradicate o comunque ridotte grazie alle vaccinazioni.
Altre malattie infettive, per le quali non esistono vaccinazioni di massa, sono ad esempio: congiuntiviti, epatite virale tipo C, infezione da HIV-AIDS, meningite, mononucleosi infettiva, polmonite, salmonellosi, pediculosi, scabbia, scarlattina, tubercolosi.

Per tutte valgono le seguenti misure di prevenzione di carattere generale:

  • allontanare dalle comunità (asili, scuole, luoghi affollati) e curare a casa tutti gli ammalati di queste malattie; in ogni caso evitare i contatti ravvicinati, inferiori a 50 cm;
  • lavarsi le mani prima e dopo il contatto con alimenti e dopo aver giocato con la sabbia o all’aperto;
  • assicurare la frequente aerazione e la giusta umidità degli ambienti riscaldati;
  • usare asciugamani, fazzoletti, tovaglioli monouso;
  • rimuovere rapidamente i rifiuti;
  • evitare ogni contatto con il sangue altrui: usare guanti monouso, spazzolino da denti personale, ecc. In caso di esposizione accidentale: lavarsi subito a fondo e rivolgersi al Pronto Soccorso;
  • in caso di malattie infettive più comuni, di norma, non rientrare a scuola prima che siano trascorsi 5 giorni, salvo che il medico non decida diversamente in rapporto alla specifica malattia.

In alcuni casi (tubercolosi, meningite) è necessario indagare anche i contatti per cercare la causa della malattia o la sua eventuale diffusione. Tale attività di sorveglianza sanitaria viene svolta dall’Igiene e Sanità Pubblica e si interfaccia, attraverso la Regione e il Ministero della Salute, ad una rete di sorveglianza planetaria, che in alcuni casi allerta rapidamente i sistemi di protezione delle popolazioni di tutto il mondo, come è accaduto per la sindrome della mucca pazza o per la SARS.

L’Igiene e Sanità Pubblica, i Medici di Medicina Generale e i Pediatri di Libera Scelta sono le strutture di riferimento per la prevenzione e la cura delle principali malattie infettive.



Torna all'inizio della pagina